EVENTI DEL CLUB

... ci rivediamo a Settembre !!!

... ci rivediamo a Settembre !!! - ROTARY CLUB di CENTO

VENERDI’ 02 AGOSTO 2019: Ostellato, XXV Festa dell’Estate

VENERDI’ 02 AGOSTO 2019: Ostellato, XXV Festa dell’Estate - ROTARY CLUB di CENTO

Pieno successo per la XXV edizione della “Festa dell’Estate” dei Rotary Estensi che si è svolta presso Villa Belfiore di Ostellato per iniziativa del club locale. Tanti i soci intervenuti dai Club dell’Area Estense, oltre a una rappresentanza di soci dai Club di Pescara e Padova, accolti dal Presidente del Rotary di Comacchio Codigoro Terre Pomposiane Daniele Romanini e dalla gentile consorte Mariella, che hanno fatto gli onori di casa.

Il Past Governor Maurizio Marcialis ha ricordato che l’idea di organizzare una festa ai lidi nacque al compianto Franco Zarri, che insieme a lui stesso la realizzò: lo scopo era quello di riunire i soci in vacanza al mare; da allora questa iniziativa non si è mai fermata.   Il nostro Club era ben rappresentato, come sempre, da un nutrito numero di soci accompagnati dalle consorti, capitanati dal Presidente Carlo Rumpianesi e dalla consorte Claudia.

La serata è trascorsa in armonia ed allegria, con un piacevole sottofondo musicale, nonostante Giove Pluvio avesse privato gli invitati di godere del rigoglioso giardino. La cena ‘golosa’ è stata caratterizzata da un menu tradizionale rivisitato attraverso l’uso di erbe ed aromi insoliti, piacevoli ed apprezzati.  Un momento speciale ci ha poi regalato l’Assistente del Governatore Alberto Lazzarini, presente con Cristina, quando ha letto alcune poesie e filastrocche sul tema dell’estate scritte da rinomati autori, quali Italo Calvino, Roberto Piumini e Marzia Cabano.

Un cadeau offerto da Mariella alle signore presenti, che hanno molto apprezzato, ha segnato la conclusione della piacevole serata.

GIOVEDI’ 25 Luglio 2019: Territorio e banche, Ecco la rivoluzione

GIOVEDI’ 25 Luglio 2019: Territorio e banche, Ecco la rivoluzione - ROTARY CLUB di CENTO

Interclub finanziario di alto livello, organizzato da RC San Giorgio di Piano

Il territorio? E’ diventato ..tutta un’altra cosa. E le banche? Altrettanto. Di finanza, anzi del futuro rivoluzionato della finanza, si è parlato giovedì 25 luglio nel corso di un convegno (si è volato alto) promosso dal Rotary San Giorgio di Piano grazie al presidente Gian Luigi Mazzoni e al socio Massimo Venturelli,  nell’ambito di un interclub dei Rotary estensi.

Molti e qualificati i relatori che hanno parlato di fronte a una folta e attenta platea composta non solo di addetti ai lavori.

Nell’introduzione, il governatore Angelo Andrisano ha posto in luce la validità di incontri di approfondimento come questo, sottolineando alcuni dei punti centrali della sua annata appena iniziata, che mira a sviluppare club più dinamici, più attenti alle comunità locali, maggiormente attrattivi.

Particolarmente incisivo l’intervento, e più in generale la conduzione, di Carlo Alberto Carnevale Maffè, docente della Bocconi e molto altro, al quale si deve la nuova definizione di territorio che, nel caso della finanza, non ha confini ed é  in qualche modo impalpabile soprattutto alla luce del cambiamento - uno stravolgimento - dello scenario globale dove la rivoluzione interessa, in particolare, i dati (assolutamente fondamentali), il denaro e le relazioni. Le  banche, in sostanza, non possono più essere quelle di un tempo, ha sostenuto, volte a raccogliere denaro e ad impiegarlo in loco secondo il tradizionale rapporto di fiducia, storico, con il cliente. Il mandato delle banche, secondo Maffè, è invece diventato quello di uscire dal territorio e affidarsi pienamente alla tecnologia per “accogliere il mondo”, secondo una logica che le vede valutate e inquadrate non per la dimensione, quanto per l’inserimento (o meno) in un insieme, in un processo. Quindi - è la conclusione di Maffè - la banca dev’essere totalmente ripensata, tantopiù che sono cambiati i parametri a cominciare da quello degli impieghi (200 miliardi in meno in pochi anni).

Che il mondo della finanza, e quello bancario in particolare, debba essere oggetto di una profonda revisione si è detto convinto anche Adriano Maestri, dirigente di punta del gruppo Intesa, governatore incoming del Rotary distrettuale. La fotografia del settore è per certi versi impietosa visto il costante calo dei margini operativi e le difficoltà crescenti dovute, ad esempio, alle norme disomogenee che regolano l’attività a livello mondiale, ma soprattutto all’entrata in scena di nuovi temutissimi concorrenti: i player dei big data. Il passato abbastanza lontano evoca la “foresta pietrificata”, mentre il passato più recente testimonia che molte banche piccole hanno voluto “fare le grandi” andando incontro a disastri annunciati. Lo stesso localismo è stato spesso interpretato come una sorta di “presidio” di gestione del potere. La risposta, complessa, passa attraverso la tecnologia, la formazione del Personale e una politica di educazione finanziaria verso la clientela.

In un contesto così difficoltoso si collocano le banche più piccole, nel convegno rappresentate da Carlo Antiga esponente di Gruppo Cassa centrale, forte di decine di banche di credito cooperativo. Anche per questa tipologia di aziende di credito è ineludibile un processo di trasformazione ma, ha sottolineato il relatore, permane stretto e indispensabile il loro rapporto diretto con clientela e soci, alimentato sia dalla specifica attività finanziaria sia dalle erogazioni liberali che esse tradizionalmente producono. Sullo sfondo, anche in questo caso, si profilano ulteriori accorpamenti: in pochi anni, infatti, le aderenti alla Centrale sono passate da 122 a 80 quale inevitabile risposta alle incombenti economie di scala.

Molto atteso era infine - inevitabilmente  e giustamente - il pensiero della Banca d’Italia o, meglio, quello del vicedirettore della filiale di Bologna Michele Benvenuti. Inequivocabile il messaggio iniziale: “Fra dieci anni tutto sarà (di nuovo) cambiato”. E  la trasformazione in atto non sarà indolore. E’ insomma finito il “ piccolo mondo antico” fatto di imprese, anche bancarie, ridotte che, sempre più, scontano lo svantaggio competitivo. La crisi ha colpito, come è ben noto, il sistema produttivo ma non per colpa del credito insufficiente. Sullo sfondo, anche per Benvenuti, si profila l’irruzione sul mercato finanziario di concorrenti nuovi e agguerriti. Ulteriore lavoro, si potrebbe dire, per la Vigilanza, e non solo. Alberto Lazzarini

... Prossimamente

 

Rassegna stampa

 

prova

 

Bollettini del Club

 

Bollettini 2019/20

 

Attività recenti del Club

 

Archivio home page

 

Distretto 2072

Distretto 2072 - ROTARY CLUB di CENTO

area soci

area soci - ROTARY CLUB di CENTO

Rotaract Cento

Rotaract Cento - ROTARY CLUB di CENTO

Area Riservata

Area Riservata - ROTARY CLUB di CENTO